UA-108927862-1
+39 0522 591660 info@inox-fer.com

Produrre e trasformare

Linea di produzione per confetture e sughi

La linea per confetture e sughi permette di produrre tutti quei prodotti che richiedono di essere miscelati, cotti ed eventualmente concentrati come marmellate, confetture, salse, sughi di carne e di verdura. Il processo di cottura può avvenire sotto vuoto o a pressione atmosferica.
Per mantenere le caratteristiche organolettiche degli ingredienti e quindi ottenere un prodotto di qualità superiore si effettua la concentrazione sotto vuoto tramite bolla o serpentino. Alternativamente il prodotto viene cotto e miscelato all’interno di una bacinella.

 

  • Alimentazione materia prima: i liquidi vengono stoccati in serbatoi e/o miscelati dal dissolutore mentre i prodotti solidi vengono alimentati con coclee o vagonetti. A seconda che il prodotto solido sia fresco, congelato IQF o in cubi viene passato nel trituratore oppure trasferito direttamente nel miscelatore.
  • Miscelazione, Dosaggio e Riscaldamento: i prodotti vengono dosati in una vasca per essere preriscaldati alla temperatura di concentrazione. L’alimentazione avviene in una vasca di miscelazione e preriscaldamento oppure direttamente nel cuocitore. I dosaggi si effettuano generalmente con celle di carico o conta litri.
  • Cottura e Concentrazione: a seconda che si scelga di concentrare o di cuocere il prodotto la miscela viene passata nella bolla, nel serpentino o nel cuocitore dove vengono aggiunti eventuali aromi in soluzione acquosa o in polvere.
  • Stoccaggio: dal cuocitore o concentratore si passa ad un polmone di sosta che provvede a mantenere il prodotto in temperatura e miscelato. Successivamente si effettua l’eventuale pastorizzazione per poi procedere al riempimento.

Linee di trasformazione frutta e pomodoro

La linea frutta e pomodoro permette di produrre succhi di frutta naturali e concentrati, passata di pomodoro, diversi livelli di concentrato di pomodoro cold e hot break.
Le similitudini nella lavorazione di frutta e pomodoro fresco (ricevimento prodotto, lavaggio e cernita, triturazione, preriscaldamento, raffinazione, concentrazione, stoccaggio, pastorizzazione) consentono di realizzare una linea di produzione estremamente versatile capace di trattare diverse tipologie di prodotti rendendola ottimale per realtà produttive di piccole e medie dimensioni.

 

  • Ricevimento e lavaggio: il prodotto viene scaricato nella vasca, quindi lavato e trasferito nella zona di cernita.
  • Triturazione: il prodotto arriva per cascata dalla zona di cernita e viene triturato.
  • Riscaldamento: in base al prodotto da ottenere verrà utilizzata una lavorazione hot-break o cold-break.
  • Raffinamento: il prodotto viene sminuzzato fino a renderlo delle consistenza desiderata per poi essere separato dagli scarti destinati allo smaltimento.
  • Stoccaggio: il succo viene convogliato in un serbatoio il quale alimenta in ciclo continuo l’evaporatore.
  • Evaporazione: in base alla densità finale richiesta si può decidere di concentrare il prodotto utilizzando una bolla o un concentratore a triplo effetto con evaporatori variabili.
  • Stoccaggio: il prodotto concentrato viene canalizzato in un secondo serbatoio di stoccaggio prima di essere pastorizzato..

Linea di produzione ketchup

La linea di produzione del ketchup inizia con lo stoccaggio degli ingredienti principali, ossia: concentrato di pomodoro, glucosio, olio, aceto e altri ingredienti liquidi o in polvere che seguono le specifiche caratteristiche della ricetta.
Il pomodoro semilavorato viene miscelato assieme ai vari ingredienti e quindi sottoposto alle fasi di preriscaldamento, disaerazione, omogeneizzazione e pastorizzazione prima di passare al riempimento.

 

  • Stoccaggio semilavorati: il concentrato viene trasferito tramite una pompa nei serbatoi di stoccaggio nel quale viene aggiunto il glucosio preparato nel dissolutore. In altri appositi serbatoi vengono stoccati olio ed aceto. Il dosaggio avviene tramite conta litri o celle di carico per prodotti liquidi e attraverso dosatori gravimetrici per le polveri.
  • Miscelazione: gli ingredienti vengono trasferiti in base alle proporzioni indicate dalla ricetta nel miscelatore dove vengono aggiunti eventuali spezie ed amidi.
  • Pre-riscaldamento: attraverso uno scambiatore tubolare il prodotto viene riscaldato per facilitare la lavorazione nella fase successiva.
  • Disaerazione: a questo punto il prodotto viene deaerato per eliminare l’aria disciolta nel prodotto.
  • Omogeneizzazione: si procede all’omogeneizzazione del prodotto per evitare fenomeni di sedimentazione o di separazione.
  • Pastorizzazione: la pastorizzazione avviene tramite uno scambiatore di calore tubolare.

Linea di produzione nettari

La linea di produzione nettari consiste nella preparazione e miscelazione di diversi prodotti semilavorati che vengono successivamente omogeneizzati e pastorizzati. La prima fase consiste nello stoccaggio dei vari ingredienti come; succhi di frutta, concentrati, puree, glucosio, acidificanti e correttori vari.
Una volta dosati secondo le specifiche indicazioni del produttore vengono trasferiti nel miscelatore, dove viene monitorato costantemente il PH ed il °Bx. Per linearizzare il processo produttivo il prodotto viene trasferito in un serbatoio di sosta prima di essere pre-riscaldato, deaerato, omogeneizzato ed in fine pastorizzato.

 

  • Stoccaggio ingredienti: gli ingredienti semilavorati vengono stoccati in appositi serbatoi o fusti asettici a seconda delle caratteristiche produttive della linea.
  • Miscelazione: i vari elementi vengono dosati e trasferiti nel miscelatore dove ne viene costantemente monitorato il PH (tasso di acidità) ed il grado Brix (quantità di solidi dissolti).
  • Stoccaggio semilavorato: per linearizzare il processo produttivo il prodotto viene trasferito in un serbatoio di sosta in attesa di continuare verso il passaggio successivo.
  • Pre-riscaldamento: attraverso uno scambiatore tubolare il prodotto viene riscaldato per facilitarne il trattamento nella fase successiva.
  • Disaerazione: a questo punto il prodotto viene deaerato e quindi privato dell’aria disciolta nel prodotto.
  • Omogeneizzazione: si procede all’omogeneizzazione del prodotto per evitare fenomeni di sedimentazione o di separazione dei vari elementi.
  • Pastorizzazione: a seconda del tipo di prodotto la pastorizzazione avviene tramite uno scambiatore di calore tubolare oppure a piastre.